Home / Tendenze / Caffaro Industrie dona a Torviscosa un’opera di Angelo Biancini

Caffaro Industrie dona a Torviscosa un’opera di Angelo Biancini

L'omaggio per celebrare i dieci anni da quando la famiglia Bertolini ha acquistato e rilanciato lo storico sito produttivo chimico avviato nel 2002 dal Gruppo Bracco

Caffaro Industrie dona a Torviscosa un’opera di Angelo Biancini

Dieci anni fa, a fine febbraio del 2011, la famiglia Bertolini acquistava dalla Caffaro il ramo d’azienda industriale di Torviscosa. Un’operazione che non soltanto salvaguardava cent’anni di know-how della chimica industriale del territorio, ma anche metteva in sicurezza oltre 130 posti di lavoro preziosi per il Friuli Venezia Giulia.

Per celebrare questa ricorrenza, la società ha deciso di donare al Comune di Torviscosa un’opera dell’artista Angelo Biancini sita all’interno del sito produttivo: una scultura in ceramica di cm 965x235, collocato nella sala delle turbine dell’ex centrale elettrica a carbone inaugurata nel 1963 (anno di realizzazione del pannello) e attualmente non accessibile al pubblico. Con questa donazione alla città Caffaro Industrie spa vuole ringraziare simbolicamente tutti gli stakeholder che hanno contribuito al processo di crescita dell’azienda: in primis le maestranze, il Comune di Torviscosa, tutti i soci industriali (Gruppo Bracco, Friulia spa, Gestioni Industriali) e la Regione Friuli Venezia Giulia.


Attualmente Caffaro Industrie spa ha un fatturato di circa 45 mln di euro nella chimica fine, mentre il fatturato aggregato globale a Torviscosa realizzato del Gruppo è di 84 mln di euro, con 192 dipendenti. In questi dieci anni Caffaro Industrie spa, che nella chimica fine ha investito circa 30 mln di euro, ha notevolmente sviluppato il suo giro d’affari ampliando la gamma dei suoi prodotti, esportati per un 70%.

L’azienda ha anche riabilitato il marchio nel mercato a valle dei carbonati dioli e dei chetoni - intermedi chimici venduti principalmente in Europa, Asia e Stati Uniti - coprendo diverse applicazioni tra cui l’agrochemical, gli intermedi pharma, i poliuretani, il settore degli “adhesives and sealants”e il coating. Attraverso la collegata Caffaro Green Chemicals, infine, ha accresciuto la sua quota di mercato nel settore delle cloroparaffine, vendute principalmente nel settore dei plastificanti, nel settore industriale come ritardante di fiamma e nel settore della lavorazione delle pelli. 

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori