Home / Tendenze / Ex Provinciali, sulla viabilità ora si torna al passato

Ex Provinciali, sulla viabilità ora si torna al passato

Dal primo gennaio 2022 la competenza passa da FvgStrade agli Edr

Ex Provinciali, sulla viabilità ora si torna al passato

Dal prossimo gennaio la gestione della viabilità ex provinciale passerà agli Enti di decentramento regionale. Sono trascorsi appena quattro anni. Il ricordo delle strade con i cigli invasi dall’erba alta è ancora molto nitido. Il dubbio sul fatto che tutto torni a bloccarsi è dipanato direttamente da Pierpaolo Roberti, assessore regionale alle Autonomie locali - e architetto della controriforma - convinto che non ci saranno i contraccolpi già visti in passato e legati soprattutto alla carenza di personale.
Come risolvete la questione? “La chiusura delle province avvenne in maniera affrettata e due competenze non si sapeva come allocarle. Parlo di edilizia scolastica e gestione della rete stradale provinciale. La viabilità è stata poi affidata a FvgStrade il cui personale però utilizza un contratto di diritto privato. Di fatto nella stessa società lavora personale proveniente dalle province alle dipendenze della Regione e quello assunto con un contratto che offre un livello economico più vantaggioso. E’ sorto un duplice problema: di carattere sindacale e di carattere gestionale ed economico. Per il primo abbiamo già parlato del differente trattamento nonostante l’unico datore di lavoro. Quanto al secondo aspetto molti dipendenti sono andati in pensione, ma per sostituirli Fvg Strade avrebbe dovuto applicare il suo contratto e dunque i costi sarebbero aumentati molto. Ecco perché la società ha colmato solo in parte i vuoti. Dal primo gennaio 2022 trasferiremo nuovamente il personale già delle province agli Edr oltre a quello assunto a tempo determinato. Nel frattempo, nel luglio scorso, abbiamo già approvato il piano dei fabbisogni per gli Enti di decentramento affinché tornino alla pianta organica delle province”.

C’è anche la questione degli uffici tecnici. Come farete? “Questi aspetti li abbiamo già valutati. Lo conferma il fatto che abbiamo scelto di partire in maniera graduale affidando l’edilizia scolastica agli Edr dotandoli di personale con competenze specifiche. Il passaggio delle strade non sarà quindi traumatico perché abbiamo già dato agli enti personale tecnico per gestire i lavori nelle scuole. Dunque abbiamo già un nucleo di tecnici, senza dimenticare che abbiamo rafforzato le ragionerie. Anche in futuro arriverà gradualmente altro personale”.

Esiste il rischio che in primavera le nostre strade siano circondate dall’erba alta? “Ci siamo assunti una responsabilità importante. Potevamo lasciare tutto com’era tanto più che si trattava di assetti decisi da altri. Invece abbiamo voluto mettere mano a edilizia scolastica e strade perché crediamo che sia possibile migliorare e superare ogni criticità. Ci crediamo a tal punto che abbiamo già raddoppiato i fondi per le manutenzioni ordinarie sulla viabilità destinati agli Edr. Ci abbiamo messo la faccia affrontando di petto la situazione”

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori